Crea sito
Home / Recensioni / Dischi / At Last

At Last

Anne Hampton CallawayAt Last
Ann Hampton Callaway

“At Last”, è il nuovo lavoro discografico di Ann Hampton Callaway. Si tratta di un disco coinvolgente che la cantante ha voluto trasformare in messaggio affinché il mondo possa incontrare l’amore universale, come si evince dal sottotitolo che ha scelto per la raccolta: “canzoni d’amore per adulti”.

C’è da dire che, da sola “Comes love”, vale l’acquisto del disco. At Last è un insieme di standard jazz, di canzoni pop e di un paio di brani originali mescolati minuziosamente insieme per dare armonia all’album creando una sorta di narrativa che potrebbe definirsi quasi cinematografica.

La Callaway ha ideato questo progetto quasi come se si trattasse di una vera e propria forma d’arte. “I CD sono per me come i film”, dice l’autrice, “Non scaricheresti mai la scena di un film. Vorresti conoscere l’intera storia, come inizia e come va a finire. Un album dovrebbe essere concepito ugualmente in questo modo, come una serie di canzoni che hanno un senso soltanto se ascoltate nel loro insieme. Si tratta veramente di creare un viaggio emotivo che inizia da una parte e finisce in un altro posto completamente diverso”.

Accompagnano la Callaway in questo viaggio il trio formato dal pianista Ted Rosenthal, dal bassista Jay Leonhart e da Victor Lewis, percussionista di successo.

Fra gli ospiti troviamo il chitarrista Rodney Jones, Mads Tolling al violino, Teodross Avery al sax, Marvin Stamm al flicorno e niente meno che Wycliffe Gordon alla tromba e alle percussioni Emedin Rivera.

Un bel disco davvero, ben registrato. D’altronde, c’è la Telarc music, a garanzia di tutto ciò.

Giuseppe Candiano

About loscrignodeisogni

Commenti chiusi.

Scroll To Top