Crea sito
Home / Imperdibili / Autobiografia di uno Yogi
Autobiografia di uno Yogi

Autobiografia di uno Yogi

Autobiografia-di-uno-YogiAutobiografia di uno Yogi
di Paramhansa Yogananda

Occorre chiarire subito una cosa: Autobiografia di uno Yogi di Paramhansa Yogananda è molto più di un libro. Anzi, probabilmente è tutto tranne che un semplice libro. È un’esperienza di vita, un insegnamento religioso-mistico, un invito alla spiritualità, un manuale di yoga e, su tutto, un esempio di tolleranza ed amore incondizionato a prescindere da etnie e religioni.

Ne consegue che un volume del genere merita una lettura diversa dal normale. È pur vero che la struttura e il linguaggio utilizzato dal maestro indiano sono abbastanza semplici e diretti, tali da determinare una lettura piacevole e scorrevole (quasi da romanzo di genere), ma è nelle riletture e conseguenti riflessioni che emerge tutta la profondità di un testo entrato a pieno diritto tra le cento opere di contenuto spirituale più importanti del ventesimo secolo.

Avendo tempo e spazio, si potrebbe stilare una lista veramente lunga delle peculiarità di questo libro. Per brevità, ne riporto alcune che mi hanno colpito più di tutte.

La prima è la genuinità che permea tutta l’opera: una sorta di gioco della vita affrontato con freschezza e la leggerezza tipica dei bambini. Inevitabile la restituzione dell’immagine di un guru dai tratti perennemente fanciulleschi, a dispetto degli stereotipi largamente conosciuti che trovano nell’icona del santone emaciato e seminudo il classico luogo comune.

E proprio questo particolare approccio al delicato tema della spiritualità ha determinato, a mio modo di vedere, un seguito così numeroso di lettori. A dimostrazione del fatto che la semplicità è una delle chiavi di volta della comunicazione, anche e soprattutto quando si affrontano questioni ataviche e apparentemente imperscrutabili quali il mistero stesso della vita.

Un altro degli aspetti da sottolineare è la grande apertura mentale di Paramhansa Yogananda. È stato uno dei primi maestri a porre l’accento sulla necessità di abbracciare la fede verso un unico Dio, concentrandosi sui tratti comuni delle diverse religioni nel mondo, piuttosto che sulle loro differenze. All’interno dell’Autobiografia di uno Yogi infatti emergono gli studi meticolosi e la grande attenzione del maestro Yogananda verso i più importanti testi sacri, sia induisti che cattolici.

Un’apertura di mente così incondizionata che è andata anche al di là della religione, sfociando nel contrapposto mondo della scienza. I numerosi riferimenti alla fisica quantistica e ad una eventuale origine extraterrestre dei nostri antenati sono un chiaro esempio di come una mente, scevra da qualsiasi condizionamento ideologico, possa aprirsi a qualsiasi ragionamento, per amore della verità.

In conclusione, Autobiografia di uno Yogi di Paramhansa Yogananda è un testo caldamente consigliato alla (ri)lettura e, per quanto possa sembrare paradossale, avvicina a Dio molto più di tanti altri testi di estrazione cristiano-cattolica.

Una nota molto interessante: nell’edizione che celebra i 70 anni dalla scomparsa del maestro indiano, è stato incluso un CD-audio con tutti i capitoli del libro letti da Enzo Decaro.

Luciano Triolo


About adminsds

Commenti chiusi.

Scroll To Top