Crea sito
Home / Recensioni / Libri / Avviso ai naviganti
Avviso ai naviganti

Avviso ai naviganti

Avviso-ai-navigantiAvviso ai naviganti

Di Annie Proulx

Finalmente è arrivato il momento di leggere “Avviso ai naviganti” di Annie Proulx; da ormai troppo tempo costituiva una presenza fissa nella top ten del mio personalissimo elenco di libri in attesa.

Per inciso, attesa ampiamente ripagata.

La prima cosa che mi è venuta in mente, a fine della lettura, è stata quella di parafrasare l’esperienza appena vissuta con il titolo di un altro libro, “Come il mare”, di Wilbur Smith. Non tanto per il ritmo incalzante (soprattutto delle prime 150 pagine), quanto per la salsedine di cui è intriso. 

E proprio come il mare, “Avviso ai naviganti” riporta migliaia di sfumature ed un suo respiro, a volte calmo ed altre agitato, le cui correnti inchiostrate subiscono le stesse leggi procedendo a ondate, vortici e mulinelli, abilmente tracciate dalla penna sorprendente di Annie Proulx.

Tralasciando volutamente la trama, peraltro convincente (almeno, a mio giudizio), non si può fare a meno di rimanere colpiti dalla potenza descrittiva dei paesaggi, che a tratti raggiunge toni epici e che vale da sola la lettura del libro. Così come non si può non ammirare la contrapposizione tra il carattere dei vari personaggi (e del protagonista in particolare) con i luoghi descritti, in una sorta di eterno conflitto tra il mondo interiore e quello esteriore, tra la debolezza dell’uomo e l’implacabile forza della natura.

Una storia ben costruita, piacevole da leggere, che sfiora anche diverse tematiche sociali senza peraltro sfociare in presuntuose prese di posizione. Una scrittura brillante, decisa, in qualche passaggio forse un po’ troppo cruda, ma comunque non artefatta.

Un paio di curiosità che mi hanno colpito… La prima, ogni capitolo inizia con la descrizione e il disegno di un nodo (ed ognuno può dipanarci dei significati a piacimento). La seconda: il tema principale, ovvero trasferirsi dal continente all’isola natìa, è decisamente controcorrente rispetto alle vicende quotidiane in cui normalmente avviene l’esatto contrario.

Queste invece alcune “perle” estratte:

Sapeva solo che le donne erano fatte a forma di foglia, ma erano gli uomini a cadere”.

In me, mio padre riconosceva il fallimento di una vita: la sua”.

Giunsi alle soglie della maturità imparando a tenere i sentimenti fuori dalla mia vita, a non aspettarmi niente. Mi abituai ad essere invisibile”.

Le cose che ti spaventano, se non puoi evitarle, affrontale”.

Va segnalato che da questo libro il regista Lasse Hallström ha realizzato (nel 2001) il film “The Shipping News – Ombre dal profondo“. Nel cast figurano, tra gli altri, Kevin Spacey, Julianna Moore e Cate Blanchett.

Luciano Triolo

About adminsds

Commenti chiusi.

Scroll To Top