Crea sito
Home / Recensioni / Dischi / Carmin – Bia

Carmin – Bia

Bia - CarminCarmin
Bia

Trascorsi alcuni anni veleggiando attraverso l’Oceano Atlantico e il Mediterraneo, imparando il più possibile sulla natura e sulla vita, nel 1995 Bia decise che la sua professione doveva essere la cantante e musicista.

Brasiliana di origine, ha vissuto in Francia, e canta con la stessa maestria in francese, portoghese, spagnolo e come potrete sentire nel terzo brano “Polvere di gesso”, anche in italiano.

Nel 1996 il produttore Pierre Barouh le offrì la possibilità di registrare il suo primo disco “La memorie du vent” subito dopo aver ascoltato un suo demo, disco che ha immediatamente vinto il “Grand Prix de l’Académie Charles Cros”. 

Nel 1998 ha cantato la colonna sonora di un film di Claude Lelouch, e ha iniziato un lungo tour in Giappone, Italia, Canada e Francia. Nel 2000 ha prodotto il suo secondo album, “Sources” registrato a Rio De Janeiro, un album che conferma la raggiunta maturità artistica. “Carmin“, il disco di questa recensione è del 2003, 13 canzoni tra bossanova e samba, ma attenzione non giudicatelo da questi termini, va ascoltato con attenzione per capire come siano lontani i suoi brani dagli stereotipi che ci si immagina di questo genere musicale, rimarrete basiti da questo disco.

Molte delle canzoni sono scritte da lei, ma ci sono anche omaggi ai suoi autori preferiti: Chico Buarque, il grandissimo Gianmaria Testa e Henry Salvador. Notevole la sua versione di una canzone Inca “Inti”, un pre-colombiano inno al sole, suonato con batteria e basso davvero in modo inusuale, con bassi profondissimi ed ipnotici, da apprezzare in un impianto hi-fi di alto livello.

Parzialmente registrato a Parigi, dove attualmente Bia trascorre la maggior parte del suo tempo, questo disco è assolutamente sensuale, magico, poetico, affascinante, e non ultimo inciso in maniera superba, credetemi sulla parola e correte ad acquistarlo, farete una scoperta sensazionale.

Giuseppe Candiano

About loscrignodeisogni

Commenti chiusi.

Scroll To Top