Crea sito
Home / Recensioni / Libri / L’arte di annacarsi
L’arte di annacarsi

L’arte di annacarsi

arte_annacarsiL’arte di annacarsi. Un viaggio in Sicilia
di Roberto Alajmo

“…qui esiste tutto e il suo contrario

Beh, ha ragione Alajmo: “i siciliani hanno la tendenza a diventare apprensivi, quando devono rendere conto agli estranei di sé e della propria terra“.

Anch’io avevo un po’ di apprensione nel leggere questo piccolo viaggio virtuale, proprio perché “la sicilia ha molti cuori e molti cominciamenti; a ogni cominciamento corrisponde un approccio differente” e sembra non si dicano abbastanza parole o non si descriva mai abbastanza bene cos’è la sicilia e perché è così unica per un siciliano o per chi se n’è innamorato.

Devo ammettere però che ho apprezzato sia l’approccio dello scrittore che propone diversi inizi e quasi nessuna fine, proprio perché non si finisce mai un viaggio in sicilia e non si vede sente vive mai tutto fino in fondo, sia il modo equilibrato con il quale osserva e descrive ciò che racconta, facendo scattare una certa curiosità e la voglia di andare a vedere ciò che si percepisce: il carattere contraddittorio di Palermo, la bellezza di Taormina descritta come una donna bellissima e stupida che vende i suoi favori, ma racchiude i suoi tesori tra i vicoli e gli scorci meno frequentati, il fascino barocco di Noto e Ragusa, la falsa quiete delle Eolie, il senso molteplice dell’arte e della tragedia…

In sintesi Bufalino aveva già detto tutto:”Dicono gli atlanti che la Sicilia è un isola e sarà vero, gli atlanti sono libri d’onore. Si avrebbe però voglia di dubitarne, quando si pensa che al concetto di isola corrisponde solitamente un grumo compatto di razza e costumi, mentre qui tutto è mischiato, cangiante, contraddittorio, come nel più composito dei continenti. Vero è che le Sicilie sono tante,non finirò di contarle…“.

Pamela Cicala

About loscrignodeisogni

Commenti chiusi.

Scroll To Top