Crea sito
Home / Recensioni / Dischi / Night and the City

Night and the City

Nihaden-barronght and the City
Charlie Haden – Kenny Barron

Scrivere di uno dei tuoi dischi preferiti in assoluto è sempre impresa difficile, perdersi in iperboli e superlativi un rischio costante. Charlie Haden e Kenny Barron, due grandissimi del jazz che insieme si trovano a memoria e per di più in una serata di grazia, misteri ed alchimie per cui il jazz è famoso.

I due grandi si affiancano, senza mai superarsi: il piacere di suonare insieme allo stato puro. Il tutto per di più ripreso dai microfoni della famosa casa discografica Verve, che permette di godere di un ascolto incantevole e coinvolgente, assolutamente audiophile. La registrazione è stata effettuata nello storico Iridium di New York il 20, 21 e 22 settembre del 1996.

Sette pezzi di una leggendaria raffinatezza, che i rumori del locale rendono di una naturalezza disarmante. Il pianoforte è ripreso da vicino ed è più materico che mai, come anche il corpo del contrabbasso. Con impianti audio di alto livello, ci si trova catapultati dentro il locale con i musicisti, e il rumore delle posate sui piatti e dei bicchieri diventa naturale, come se fossimo seduti lì, come se stessimo attendendo pazientemente le nostre ordinazioni, davvero fortunati i presenti quelle sere. “Night and the city” è stato nominato nel 1999 ai Grammy Awards come migliore esecuzione strumentale individuale o di gruppo, e “For Heaven’s Sake“, il secondo brano, è stato nominato nel 1999 come migliore solo strumentale.

Note per gli audiofili, quasi al decimo minuto della prima canzone “Twilight Song”, un secchiello del ghiaccio cade per terra ad un cameriere… La direzione della caduta ed il modo come sono percepiti i rimbalzi, è uno dei test più spietati e temuti sulla qualità di un impianto audio, specialmente nei parametri della ricostruzione scenica e del dettaglio. L’ho battezzato ormai molti anni fa, ed è noto come “il test del secchiello”. L’unica pecca è che questo disco non è mai stato stampato su LP, non oso pensare il risultato di un pesante vinile da 180gr. o meglio da 200gr. su un buon giradischi.

Ho avuto la fortuna di ascoltare una copia di prima generazione del nastro master di quella sera magica, con due canzoni che non sono state incluse nel CD. Il realismo ed il coinvolgimento non possono essere descritti, tanto sono emozionanti… spero soltanto che presto venga pubblicata una versione completa ad alta risoluzione 24/96.

Giuseppe Candiano

About loscrignodeisogni

Commenti chiusi.

Scroll To Top