Crea sito
Home / Recensioni / Libri / Smith & Wesson
Smith & Wesson

Smith & Wesson

smith_wesson_bariccoSmith & Wesson

di Alessandro Baricco

Non c’è verso, ogni volta che provo a leggere le prime righe di un libro di Alessandro Baricco, ci ricasco puntualmente: lo devo finire.

Lo ammetto, nel caso di “Smith & Wesson” c’era grande attesa perché, a distanza di vent’anni dall’uscita di “Novecento“, Baricco si cimentava con un nuovo testo teatrale. E le aspettative non sono state deluse.

Lo scenario è epico (le cascate del Niagara), i personaggi semplici e geniali al tempo stesso, e la storia è un piccolo capolavoro.

Aldilà della trama, che si può tranquillamente consultare sul sito della Feltrinelli o su Wikipedia, Baricco mette in piedi una di quelle storie che a un certo punto vanno avanti da sole, facendo confluire la nostra lettura nell’io narrante teatrale… Sembra quasi di essere a Totem: un piccolo palcoscenico, qualche sedia, un leggìo e lo stesso scrittore in piedi ad ammaliarci con le sue parole.

E come sempre, non ha importanza se il finale soddisfi o meno il palato dei cultori del lieto fine. Il viaggio è decisamente piacevole e lascia quella sensazione di volatilità tipica delle cose belle.

D’altronde, a parte i grandi classici, la qualità di un libro non si misura certo con la sua lunghezza. A maggior ragione oggi in cui tutti viviamo in costante carenza di tempo a disposizione e diventa quindi difficile anche lo scegliere un buon libro da leggere.

In questo senso, le storie di Alessandro Baricco sono un porto sicuro da cui salpare.

Luciano Triolo

About adminsds

Commenti chiusi.

Scroll To Top